Le mie maglie

La maglia con i colori sociali di una squadra di calcio è un segno distintivo inconfondibile che permette ad una moltitudine di persone, che si identificano in quella maglia e in quei colori, di aggregarsi. Pertanto le maglie delle squadre di calcio hanno acquisito nel tempo importanza sempre maggiore, fino a spingere tante persone a collezionarle.

L’aumento del numero dei collezionisti, o comunque delle persone interessate a questo tipo di cimelio, ha portato alla nascita e al successivo sviluppo di un vero e proprio mercato, con prezzi che sono diventati sempre più alti.

Anche le case d’asta più prestigiose del mondo sono solite fissare una o più date all’anno dedicate alla vendita di maglie ed altri cimeli calcistici.

Fece sensazione, qualche anno fa, per l’esattezza nel 2002, l’acquisto ad un’asta Christie’s, da parte di un anonimo (e facoltoso) collezionista, della maglia di Pelè indossata nella finale dei Mondiali di Messico ‘70, messa in vendita dall’ex calciatore Roberto Rosato, per 157mila sterline circa. E, qualche anno prima, sempre ad un’asta Christie’s fu venduta per circa 90mila sterline la maglia indossata da Hurst nella finale dei Mondiali del 1966.

Parliamo ovviamente di maglie speciali, pezzi unici, il cui valore a mio avviso sta proprio in ciò che esse rappresentano.

Personalmente ho visto maglie del genere solo in fotografia, eppure, solo guardando queste foto, non ho potuto fare a meno di constatare che la loro semplicità, rispetto alle maglie moderne, piene di scritte e sponsor, è direttamente proporzionale al loro immenso fascino.

Quando ho iniziato a collezionare, dovendo scegliere l’impronta da dare alla mia collezione, non ho esitato un solo istante nello scegliere le maglie italiane.

Il mio grande amico e collezionista Riccardo Perego – tra i primi in assoluto a coltivare questo hobby e vero padrino della mia collezione – mi sollecitava a non disdegnare le maglie delle Nazionali e comunque estere, ma in me ha sempre prevalso il ricordo di quando, da bambino, compravo le figurine dei calciatori Edis e Panini, ed ammiravo estasiato le maglie delle squadre italiane.

E poi le maglie italiane hanno una caratteristica unica: la possibilità di vedersi cucito in petto quel meraviglioso triangolino tricolore chiamato scudetto, oppure quel bellissimo tondino tricolore chiamato coccarda.

Chiunque voglia documentarsi su questi particolari, può andare a leggere le relative voci su wikipedia, a mio avviso ben scritte e documentate.

Lo scudetto e/o la coccarda attribuiscono un fascino e una bellezza ancora maggiori alle maglie, cosa che mi ha spinto a ricercare con insistenza proprio quella tipologia di maglie.

Più in generale, gli esperti ed intenditori conoscono bene la storia delle maglie italiane: solo verso la fine degli anni settanta iniziarono ad apparire i marchi degli sponsor tecnici, e solo a partire dalla stagione 1981-82 apparvero le scritte degli sponsor ufficiali. A mio avviso, tranne casi particolari (come ad esempio l’alterazione del giglio sulla maglia della Fiorentina), per alcuni anni gli sponsor non hanno alterato la bellezza e il fascino della maglie, anzi, in alcuni casi (basti pensare all’accostamento del marchio Ariston alla maglia della Juventus o del marchio Barilla alla maglia della Roma) hanno contribuito ad accrescere quel fascino e quella bellezza.

Oggi però sulle maglie compaiono ben tre sponsor, oltre allo sponsor tecnico, e francamente la riduzione dello spazio dedicato ai colori sociali non mi piace affatto.

Ma, come direbbe Dante Alighieri, “vuolsi così dove si puote ciò che si vuole”, e non rimane che accettare, certo non di buon grado, la minestra che ci viene propinata.

24 pensieri riguardo “Le mie maglie”

  1. Questo sito è il risultato di uomo che ha dedicato molto tempo alla sua passione. Un lavoro di ricerca, sicuramente difficile, ma che ha prodotto un risultato eccellente. Il ricordo del calcio giocato in contemporanea e di 90’ minuto ci accomuna. Pertanto ti faccio i complimenti per il tuo sito , oltre a ringraziarti per tutto il materiale che metti a disposizione.

  2. Quando la passione , unita alla competenza ed alla militanza , può generare meraviglie . Complimenti per il sito , la sua struttura e , soprattutto , la coerente e calzante scelta del nome . Un caro abbraccio . Walter

    1. Grazie dei complimenti Walter sono contento che il sito ti sia piaciuto ti tengo informato sugli sviluppi e soprattutto quando caricherò le maglie della Salernitana che sono davvero tante. Un abbraccio

  3. Collezione di altissimo livello molto ben curata soprattutto nei club importanti meriterebbe esser esposta per far ammirare agli amanti del calcio la bellezza di pezzi così unici.Complimenti Renato.

  4. Bellissimo sito che riporta con la memoria alla bellezza del calcio di una volta. La collezione di maglie poi è davvero spettacolare, aspetto di vedere quelle della Roma di cui sono tifoso. Sinceri complimenti.

    1. Grazie dei complimenti, hai colto il mio obiettivo primario che era ed è quello di risvegliare sentimenti sopiti. Le maglie della Roma le caricherò quanto prima, ne ho molte e ci vorrà un po’ di tempo.

    1. Grazie Mimmo.
      A questo punto ne approfitto per ricordare a tutti chi è stato Mimmo Saviello.
      Mimmo Saviello era un giovane più che promettente cresciuto nelle giovanili della Salernitana, fino a diventare il capitano della squadra Primavera, vincendo la classifica dei cannonieri di quel campionato nella stagione 1995-96.
      In quella stagione, memorabile anche per la prima squadra, con la promozione in serie A sfumata di un soffio all’ultima giornata, Mimmo fu più volte convocato anche nella stessa prima squadra, e la maglia di Bisoli del Cagliari fu scambiata con lui al termine di un’amichevole, e poi gentilmente donata al sottoscritto.
      Mimmo era una grande promessa, ma, mandato per la stagione successiva a farsi le ossa in serie C, subì un gravissimo infortunio al ginocchio che compromise definitivamente la sua carriera.
      L’ho assistito come procuratore nei momenti brutti, e colgo l’occasione per sottolineare che stiamo parlando di un grande uomo oltre che di un grande calciatore.

      1. Grazie di cuore Avvocato, sempre troppo buono, le tue considerazioni sono anche dettate dal troppo affetto che nutri nei miei confronti.

  5. Bella iniziativa Renato, segno di una competenza e di una passione unica ed acclarata.
    Guardo le maglie e condivido pienamente il tuo pensiero in ordine al fatto che l’eccessiva presenza di sponsor finisce con il metter in secondo piano i colori sociali, ma quest’e’…
    Complimenti amico mio, ad majora..👍👍

  6. Complimenti amico mio…un sito che diventa un posto del cuore e della passione, quella che nessuno sponsor potrà mai strapparci!
    Continua così…

  7. Complimenti sinceri per la collezioni, siti come il Suo sono un respiro per il cuore e per chi ama il calcio.
    E se poi decidesse di vendere anche solo una delle Sue maglie della Fiorentina mi contatti pure!!
    Un saluto, grazie e complimenti ancora

    1. La ringrazio sinceramente per i complimenti. Le maglie non sono in vendita, si tratta di un museo online in cui ho voluto altresì parlare delle mie esperienze vissute nel mondo del calcio.
      Un saluto cordiale.

      1. Concordo, è proprio un museo. La conservazione di maglie come queste è sacra, è meraviglioso anche solo vederle in fotografia. Grazie ancora

  8. Pretty great post. I just stumbled upon your blog and wished to
    mention that I’ve really enjoyed browsing your blog posts.
    After all I’ll be subscribing on your rss feed and
    I hope you write once more soon!

    Feel free to surf to my site Royal CBD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *